Federica Logo e disegno ALFA_modificato.

 

Alimentazione: una questione di salute

 

 

 

"L'adozione di corrette abitudini alimentari contribuisce ad uno stile di vita sano e a prevenire l'insorgenza di malattie cronico degenerative non trasmissibili."

Questo recita il Ministero della Salute.

Per preservare un buono stato di salute è necessario mantenere un rapporto corretto ed equilibrato con il cibo e la sua assunzione ed affidarsi essere a professionisti del settore che siano accreditati per darci informazioni fondate riguardo la nutrizione e l'alimentazione.

Credo che oggi il problema più grande sia proprio quello dell'eccesso di informazione che troppo spesso si basa su nozioni poco attendibili, credenze e, ancor peggio, mode.

Nonostante l'assiduo tam-tam, persistono comportamenti ed abitudini alimentari scorrette: elevato consumo di proteine di origine animale, un uso inadeguato di zuccheri semplici, di cibi raffinati e di grassi saturi che sono i principali responsabili di tutte quelle malattie di origine metabolica, cardio vascolare e di tumori di cui ogni giorno sentiamo parlare.

Non è così difficile orientarsi verso una sana ed equilibrata alimentazione.

Viviamo in un paese in cui la natura e la cultura alimentare della Dieta Mediterranea ci permettono di scegliere tra una moltitudine di cibi e di ricette che tutto il mondo ci invidia. Approfittiamone!

Ma che cos'è la Dieta Mediterranea? Quando ne sentiamo parlare sappiamo davvero di cosa si tratta?

La Dieta Mediterranea è l'insieme di usi e costumi alimentari di tutti i popoli che affacciano sul Mar Mediterraneo le cui tradizioni hanno oltrepassato la barriera del tempo tramandandosi nei secoli, di generazione in generazione arrivando fino a noi quasi allo stato originario.

Il regime alimentare mediterraneo si basa, perlopiù, sul consumo di: Pane, pasta, legumi, frutta e verdure fresche, frutta secca, semi oleosi, un moderato utilizzo di alimenti di origine animale (carni bianche, pesce, uova e latticini) ed un saltuario consumo di carni rosse e alcolici in genere.

Un tratto caratterizzante della cucina tipica nella cultura mediterranea di questi popoli è l'uso dell'olio d'oliva da sempre riconosciuto come fonte di apporto di grassi di qualità sopraffina.

La Dieta Mediterranea è un importante alleato per contrastare quell'insieme di alterazioni del metabolismo (obesità, diabete, ipertensione arteriosa, dislipidemie) che predispongono un soggetto a elevato rischio  di malattia cardiovascolare. Questo insieme di alterazioni vengono "codificate" con un unico termine: Sindrome Metabolica. 

Per riassumere le indicazioni per una sana alimentazione:

- pochi cibi che abbiano un elevato contenuto di acidi grassi saturi quali carni rosse, formaggi e  insaccati;

- aumentare l'apporto di quegli alimenti che contengono acidi grassi  mono e polinsaturi in grado di favorire la naturale difesa contro l'ipercolesterolemia e il diabete di tipo 2: frutta secca , semi oleosi, olio EVO;

- diminuire il consumo di sale introducendo come insaporitori l'utilizzo di erbe aromatiche di cui il nostro Bel Paese è tanto ricco;

 

- aumentare considerevolmente il consumo di frutta e verdura; gli alimenti ricchi di fibre aumentano ed anticipano il senso di sazietà, limitano l'assorbimento di grassi svolgendo, quindi, un'importante ruolo per il controllo della quantità di cibo da assumere e, quindi, del peso;

- Introdurre quotidianamente nella dieta cavoli, barbabietole, mirtilli e frutti di bosco, kiwi, carote, broccoli, pomodori, aglio, cipolla, peperoni: tutti alimenti ricchissimi di sostanze antiossidanti da considerare come degli spazzini per il nostro organismo aiutando a rallentare il processo di invecchiamento cellulare.

Seguendo, quindi le linee guida della Dieta Mediterranea si può facilmente ottenere una valida indicazione di quella che dovrebbe essere un modo sano, equilibrato e gustoso di sedere a tavola.

Cibo colorato

Milano - Italy

federicaquaranta@yahoo.it

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon